La teoria dell'amore maturo di Erich Fromm

  • Yurii Olius
  • 0
  • 1601
  • 414

L'amore è spesso confuso con l'idea di perdersi in qualcosa che è considerato più grande della vita, del sé o della somma di una † parti. Dal desiderio di connessione umana nasce il desiderio di fondersi con un'altra persona, che i due diventino essenzialmente uno, di conoscerne un altro nel modo più completo e profondo come uno conosce se stesso.

Questo è ciò di cui parla Erich Fromm L'arte di amare descrive come amore immaturo e simbiotico. Per Fromm, questo tipo di amore è sia transitorio che illusorio e non può essere paragonato alla forma matura, in cui l'unione si ottiene attraverso la ritenzione del sé individuale piuttosto che la perdita attraverso la simbiosi. L'amore maturo e la conseguente conoscenza di un'altra persona possono essere raggiunti solo attraverso il atto d'amore, piuttosto che illusorio stato questo è amore immaturo.

Il bacio - Gustav Klimt

La spinta verso la connessione umana

Fromm afferma che il bisogno più profondo e urgente dell'umanità è superare un senso di solitudine e separazione. Come esseri umani, possediamo la caratteristica unica dell'autocoscienza. Questa autoconsapevolezza significa che ogni individuo ha una comprensione di se stesso come un'entità nettamente separata dal gruppo più ampio, sia esso famiglia, comunità o società.

Il separatismo individuale è, per Fromm, una caratteristica essenziale nella comprensione dell'esperienza umana, e fonte di molta solitudine e angoscia esistenziale. Da questo senso di solitudine, in cui l'uomo ha una "consapevolezza della propria breve durata di vita, del fatto che senza la sua volontà è nato e contro la sua volontà muore, che morirà davanti a coloro che ama, o loro prima di lui † della sua impotenza davanti alle forze della natura e della società ... [rendendo] la sua esistenza separata e disunita una prigione insopportabile ", c'è un bisogno quasi ineludibile di unione o connessione con il mondo al di fuori di se stesso. 

La prigione della solitudine può essere trascesa solo attraverso un senso di unione, nella connessione con l'Altro, sia esso l'individuo o il gruppo. Sebbene esistano diverse forme di amore, come l'amore fraterno o familiare, molto spesso la spinta a raggiungere un senso di unione si manifesta nella forma romantica.

Amore maturo e immaturo

 Fromm distingue tra amore maturo e immaturo. Nell'amore maturo, mentre entrambi i partner si uniscono per creare un'unione, ognuno rimane il proprio individuo all'interno di quell'unione. Nell'amore immaturo, ci si aspetta che entrambi i partner rinuncino ad aspetti della personalità per fondersi in un doppio essere, una personalità condivisa.

La varietà matura dell'amore romantico è considerata nella filosofia di Fromm uno stato paradossale. Questa forma di amore “sfonda i muri che separano l'uomo dai suoi simili” ma allo stesso tempo consente a ciascun partner di conservare il proprio senso di identità individuale, creando allo stesso tempo unione e separazione. Così si verifica un "paradosso che due esseri diventano uno e rimangono due".

La filosofia occidentale ha la tendenza a rifiutare questo tipo di pensiero paradossale, derivante dalla tradizione di Aristotele, che ha fortemente influenzato la logica occidentale. Il punto di vista aristotelico ci dice che qualcosa non può esistere e non esistere. A non può essere sia A che la negazione di A. La nostra comprensione dell'amore, considerata in termini logici, assomiglia a questo:

 Se I = individualismo

e L'individualismo NON è uguale all'unione

poi NON I = unione

Nella logica aristotelica, non possiamo creare l'equazione I (individualismo) + NON I (unione) = L (Amore).

Aristotele afferma: "È impossibile che la stessa cosa allo stesso tempo appartenga e non appartenga alla stessa cosa e nello stesso rispetto † Questo è quindi il più certo di tutti i principi". Tuttavia, secondo Fromm, questo tipo di la logica paradossale è implicita nell'amore maturo, in quanto consente infatti ai suoi partecipanti di appartenere entrambi e non appartenere al concetto di unione. È amore immaturo quello che non consente entrambi, portando a una condizione che chiama unione simbiotica, che nella cultura occidentale viene spesso confusa con l'amore.

Simbiosi sadica e masochista

Nell'unione simbiotica di Fromm, il desiderio di unione si realizza attraverso la fusione di ogni individuo in un'unica identità, i due diventano uno. Questa si caratterizza attraverso forme attive e passive, essendo il partecipante passivo l'incorporato in quello attivo, esistente come “parte integrante di un'altra persona che lo dirige, lo guida, lo protegge; chi è la sua vita e l'ossigeno per così dire ”, non diversamente da un feto nel grembo materno.

Mentre il partecipante passivo allevia il loro senso intrinseco di solitudine attraverso l'incorporazione con un altro, quello attivo non è meno dipendente o simbiotico all'interno della relazione. La loro solitudine e separazione si sentono saziate dall'incorporazione dell'altro nel proprio sé; anche loro non sono più soli al mondo. Ci sono diversi estremi di simbiosi attiva, il più dannoso di questi comprende atteggiamenti condiscendenti o di comando, umiliazione, dolore o sfruttamento del patner passivo.

L'amore immaturo, mentre nasce dal bisogno di unione è problematico per Fromm, perché presenta un'illusione di unione, mentre alla fine è malsano e insoddisfacente perché la vera connessione non viene raggiunta. Il principio di base dietro l'idea di unione è l'unione o l'unione di due entità separate, e quando una di queste entità si perde o viene inghiottita, non può esserci una vera unione perché manca una componente vitale.

Da non confondere con il termine sessuale, Fromm usa i termini sadico e masochista per descrivere rispettivamente la simbiosi attiva e passiva, sebbene gli atti sessuali di masochismo e sadismo possano anche essere considerati espressione di unione simbiotica in modo sessuale. L'atto del rapporto sessuale dovrebbe tuttavia essere menzionato in congiunzione con l'amore immaturo, perché in questa forma di amore, piuttosto che l'atto sessuale essere un'espressione naturale di amore sano, serve a promuovere l'illusione dell'unione attraverso l'atto, sebbene in seguito possa creare sentimenti di rabbia, vergogna, risentimento e odio quando l'illusione di intimità o unione è scomparsa.

Amore come verbo d'azione

L'amore immaturo può anche essere caratterizzato da una mancanza di oggettività; c'è una fondamentale mancanza di rispetto e riconoscimento della natura individuale coinvolta. L'amore che esiste è focalizzato sull'oggetto dell'amore della persona come viene percepito, spesso anche come una proiezione di desideri interni, non come sono realmente. L'oggetto d'amore come percepito è sentito come "conosciuto" profondamente e da vicino, il che è qualcosa di un errore. A causa del sentimento di vicinanza con qualcuno che in precedenza era uno sconosciuto, si crea un'intimità improvvisa, che secondo Fromm, crea la sensazione di "innamorarsi". Alla fine viene evocato un senso di familiarità e l'intensa sensazione di "cadere" scompare. In un ciclo ripetitivo, è quindi necessario cercare un nuovo sconosciuto per ricreare la sensazione.

 Vale la pena ricordare che Fromm postula che ci sia una spinta specificamente umana a "conoscere il segreto dell'uomo", a causa del fatto che entrambi "conosciamo e non conosciamo noi stessi". Questa idea che il sé sia ​​al tempo stesso familiare e misterioso ci porta a cercare di scoprire i segreti, le profondità, di un altro, qualcosa di cui l'improvvisa vicinanza con uno sconosciuto presenta l'illusione. Questa è anche la radice dell'estremo più negativo della simbiosi attiva, avendo potere su un altro c'è una nozione intrinseca che possono in un certo senso costringere l'altro a tradire i propri segreti, la propria natura umana.

L'unione simbiotica, quindi, incorpora il senso di innamoramento conoscendo profondamente un'altra persona precedentemente sconosciuta, da un bisogno umano di base sia di unione che di conoscenza derivante da un senso di solitudine insito nella condizione umana. Questa sensazione di innamoramento crea un'illusione di vicinanza e conoscenza dell'altro, quando in realtà l'amore si basa sull'oggetto percepito piuttosto che sulla persona nella sua essenza, che è passivamente incorporata nell'altro, o incorpora l'altro in stessi e viene così gonfiato e potenziato dall'altro. Entrambi i partner, attivi e passivi, esistono quindi come oggetto immaturo e destinatario dell'amore, e provano amore per l'altro per questo, piuttosto che dare in modo maturo e libero il loro amore come azione, che è la base per un maturo, antimbiotico relazione.

L'amore maturo è un amore duraturo.

Sarah Bones

Rainer Maria Rilke sull'amore

“Che un essere umano ami un altro essere umano: questo è forse il compito più difficile che ci è stato affidato †. Per questo i giovani, principianti in tutto, non sono ancora capaci di amare: è qualcosa che devono imparare ... Ma il tempo di apprendimento è sempre un tempo lungo e appartato, e quindi amare, per molto tempo avanti e lontano nella vita, è solitudine, una solitudine accresciuta e approfondita per la persona che ama. All'inizio amare non significa fondersi, arrendersi e unirsi con un'altra persona (perché cosa sarebbe l'unione di due persone che non sono chiare, non finite e ancora incoerenti?). È un grande incentivo per l'individuo a maturare, a diventare qualcosa in se stesso, a diventare mondo, a diventare mondo in se stesso per il bene di un'altra persona ".

-Rainer Maria Rilke




Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Gli articoli più interessanti sull le relazioni che cambieranno la tua vita in meglio
Il principale sito web di lifestyle e cultura. Qui troverai molte informazioni utili su amore e relazioni, stile di vita, moda e bellezza