Come ferire emotivamente può portare all'odio

  • Barry Spencer
  • 0
  • 2909
  • 270

"Signore, ti porto di nuovo il mio cuore spezzato", di Kierra Washington

Mistress-Daydream

Il male è qualcosa che tutti hanno sperimentato. Le persone provano dolore sia emotivo che fisico. Sebbene il dolore fisico possa essere molto doloroso, è un dolore emotivo che è più difficile da superare e, poiché è un 'invisibile' ferito, a volte il dolore emotivo non viene riconosciuto o viene negato del tutto.

Ferita fisica ed emotiva

Il dolore fisico si verifica quando il corpo prova dolore. Ferire fisicamente significa che una parte del corpo è danneggiata. Il dolore è il segnale che il corpo invia al cervello per far sapere al cervello che qualcosa non va e per aspettare un po 'di tempo in modo che la ferita possa essere curata.

Supponi di bruciarti la mano sul fornello. Il dolore risultante che senti provoca dolore e ti fa sapere che devi allontanare la mano dalla stufa e fare qualcosa per fermare il dolore.

Il dolore emotivo ha a che fare con i sentimenti di una persona. Di fronte a una grande perdita, un momento imbarazzante o un gigantesco avversario, ti senti ferito emotivamente. Alcune persone dicono che il dolore emotivo può essere così forte da sembrare altrettanto grave o peggiore del dolore fisico.

Una semplice bruciatura può causare danni fisici, ma un'ustione terribile può causare danni sia fisici che emotivi come nel caso di persone che sono rimaste paralizzate o hanno perso gli arti. Superare il dolore in questo modo è duplice perché devono superare sia il dolore fisico che quello emotivo.

Hurt and Hate

Poiché il dolore emotivo può causare tale dolore, è nella nostra natura scagliarsi contro coloro che ci circondano che possono o meno essere responsabili del dolore in cui ci troviamo. Sebbene sia qualcosa che tutti provano, il dolore emotivo non è qualcosa che tutti ammettono prontamente per.

In un mondo in cui gli uomini devono essere macho e le donne devono dimostrare di essere forti quanto gli uomini, la parola 'male' quando si tratta di dolore emotivo è usato raramente.

Quante volte, quando qualcuno è stato ferito, lo senti confessare di essere ferito?

Personalmente, non l'ho mai sentito né l'ho detto spesso io stesso.

È questa negazione del dolore che può portare all'odio. È anche questa negazione che può farci dire che odiamo quando, in verità, ci feriamo davvero.

Negazione che porta all'odio

La negazione del dolore, come nel caso di marito e moglie, può portare all'odio soprattutto durante un divorzio. È più facile dire "ti odio" invece di dire "ho ferito e tu mi hai fatto soffrire". Alla maggior parte delle persone non piace esprimere il proprio dolore perché pensa che dire il proprio dolore li faccia sembrare deboli. Questo vale sia per gli uomini che per le donne. Gli uomini evitano di dire che sono feriti perché credono che dirlo li farà sembrare deboli e le donne evitano di dirlo per lo stesso motivo.

Indipendentemente dal sesso, credo, le persone non dicono di soffrire perché credono che dirlo li farà sembrare meno persone o potrebbe convincere coloro a cui importa che non sono in grado di affrontare i problemi che si verificano nella vita.

Quando qualcuno cerca di affrontare il dolore e non è in grado di farlo perché prima non riconosce che il dolore che prova è ferito, può farlo arrabbiare. Questa rabbia alimenta l'odio perché non può essere placata.

Il dolore si trasforma in odio e l'odio diventa solo più forte, perché il dolore, invece di essere curato come si tende a una ferita infetta, è stato lasciato a marcire e trasformarsi in qualcosa che è tossico e che può intorpidire l'anima.

Dare voce all'odio quando ci feriamo davvero

Sebbene odiare sia una cosa molto facile da fare e alcune persone lasciano che il loro dolore li induca a odiare, ci sono alcuni, moltissimi in effetti, che dire che odiano quando fanno davvero male.

Questo messaggio di odio viene utilizzato per proteggersi da ulteriori ferite ma non guarisce il dolore che è già stato fatto loro. Invece, mantengono il dolore dentro di loro e per questo motivo emergono problemi di fiducia.

La maggior parte delle persone che feriscono, ma rivendicano odio, trovano molto difficile fidarsi di altre persone che potrebbero prendere il posto della persona che ha causato loro il dolore emotivo. Potrebbero non essere in grado di esprimere il motivo per cui hanno difficoltà a fidarsi, ma innalzano muri emotivi che impediscono alle persone di avvicinarsi troppo.

Dire la differenza tra i due

È molto difficile capire la differenza tra una persona che odia e una persona che soffre, ma ci sono alcuni segni che puoi cercare.

  • Una persona che soffre cercherà di evitare il conflitto e sebbene possa essere coinvolta quando si presenta, si arrabbierà molto quando si verifica.
  • Una persona che odia sarà più fredda e più incline a cercare vendetta. Diranno bugie sull'incidente che ha causato il dolore in modo che colui che ha causato il dolore sembri colpevole in tutti'gli occhi.

Perdono e dolore

È ovvio che il perdono è il balsamo curativo di cui ha bisogno il dolore. Ma il perdono non significa necessariamente costruire ponti e fissare relazioni.

A volte, con il perdono, arriva un rinnovamento delle relazioni interrotte, ma altre volte no. Questo accade quando una parte perdona e l'altra è impenitente. Una persona impenitente che ha ferito qualcuno non si preoccuperà che l'altro li abbia perdonati e quindi devi stare molto attento quando spinga una persona che ha perdonato verso la causa del dolore, perché se la causa del dolore non è dispiaciuta, stai sicuramente guidando loro verso più dolore!

Una persona che ha perdonato non:

  • Cerca vendetta
  • Desideri fare del male
  • Tieni rancore
  • Chiedi un risarcimento (Matteo 18: 23-35)

Non chiederà il pagamento per il dolore che gli è stato tolto. Tuttavia, se ha perdonato senza la persona's pentimento, potrebbe non essere disposto a fidarsi di nuovo di quella persona nello stesso modo. Se la persona è pentita, si fiderà di lui per l'incidente che ha causato dolore e per tutto il resto.

Conosci qualcuno che potrebbe essere ferito?

Ho scoperto che ci sono moltissime persone che hanno un dolore emotivo e non si sentono a proprio agio nell'esprimerlo. Potremmo non sentirci a nostro agio con queste persone perché davvero non sappiamo cosa dire loro per riportarli in un posto prima che accadesse il dolore. A volte parlare di una ferita che hai provato e confessare loro quanto ti ha ferito, può aiutarli a parlarne e lasciarlo andare in modo che il processo di guarigione possa iniziare. Altre volte il dolore è così terribile che solo Dio può aiutare la persona a superarlo.

domande e risposte

Domanda: Come posso smettere di odiare qualcuno per avermi paralizzato fisicamente?

Risposta: Quella persona è andata avanti con la sua vita e tutto sembra a posto? Sembra che lo indossino't capire veramente o preoccuparsi del danno che ti hanno fatto?

Posso sentire il tuo dolore attraverso la tua domanda perché sei risentito per il fatto che qualcosa ti sia stato portato via. Tuttavia, se continui a soffermarti su questo, lascerai che colui che ti ha paralizzato fisicamente ti paralizzi mentalmente ed emotivamente per il resto della tua vita. Puoi'lasciare che accada!

Come smettere di odiarli? io posso'dico di darti una garanzia su cosa funzionerebbe sicuramente per te. Di certo, dovresti parlarne con Dio e chiedergli di vendicarti. Se lo dai completamente a Dio, allora sarà la Sua battaglia e potrai lasciare tutto con Lui, compreso l'odio. Questo è il vero segno di fiducia in Dio e nella Sua potenza.

Credi che anche se quella persona ti ha fatto qualcosa di orribile, ha vinto'Non smettere di venire bene da te e anche tu sarai felice.

L'odio è un fardello così orribile da sopportare contaminando ogni cosa buona della vita con un colore opaco. È come una nuvola scura piena di risentimento che grida: "Giustizia!"

L'unico consiglio che posso dare è la cosa che faccio quando il dolore minaccia di sopraffarmi. Grido a Dio, gli chiedo di darmi forza e di alleggerire i miei fardelli. Gli chiedo anche di aiutarmi a non avere cattiva volontà contro nessuno perché ho commesso molti peccati per i quali aveva tutto il diritto di odiarmi, eppure ha perdonato.

Puoi smettere di odiare perdonando. Quando perdoni, diventi più potente perché la persona ti deve doppiamente e tu non sei più una vittima.

Spero che le mie parole abbiano aiutato in qualche modo.

Domanda: Come posso perdonare mio marito che permette a suo figlio di 10 anni di abusare di me verbalmente?

Risposta: Prima di tutto, mi dispiace sentire che ti trovi in ​​questa situazione.

In secondo luogo, presumo che tuo marito sia pienamente consapevole del fatto che suo figlio di dieci anni lo fa. Suppongo anche che tu gli abbia parlato di questo e non ti abbia dato alcun segno di preoccupazione al riguardo.

Se è così, hai pensato di parlargliene con altri presenti, magari un amico comune che potrebbe fare da mediatore?

Il perdono non è una cosa facile da fare, ma chi perdona ha più potere di chi è perdonato. Questo perché chi perdona cancella un debito dovuto, il che significa che la persona bisognosa di perdono si trova in una posizione spirituale più povera di quella che perdona. Pensa a come perdonare ti gioverà. Lasciar andare il dolore può essere liberatorio e chiedere a Dio di aiutarti a perdonarlo ti aiuterà a farlo.

© 2020 Vento del Nord




Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Gli articoli più interessanti sull le relazioni che cambieranno la tua vita in meglio
Il principale sito web di lifestyle e cultura. Qui troverai molte informazioni utili su amore e relazioni, stile di vita, moda e bellezza