Una lettera al ragazzo che credevo fosse l'unico

  • Robert Cobb
  • 0
  • 2262
  • 146

Mi sono innamorato di te così innocentemente. Eri il mio migliore amico di cui mi sono subito innamorato, conoscendo la tua personalità enigmatica e angosciosa. Eravamo giovani, sì, ma credevo con tutto il cuore che avremmo resistito alla prova del tempo. Siamo cresciuti insieme; abbiamo condiviso amore, risate, lacrime, difficoltà e ne siamo sempre usciti vincenti. Quindi cosa è andato storto?

Mi sono riversato in te. Ora, come donna libera, vedo come mi hai prosciugato, come mi sono perso con te nei miei tentativi inetti di salvarti, di aiutarti. Sei stato condannato dall'inizio. Sei diventato il mio inferno vivente e hai abusato del mio amore più e più volte, in qualche modo spostando sempre la colpa o rendendoti la vittima.

Notizie FLASH! Sei una persona orribile.

Quante volte ho dovuto ascoltarti, con la testa tra le mani, lamentarti di come eri questo individuo orribile e autodistruttivo. Di come meritavo di meglio e di come rovini tutto ciò che tocchi. Com'è ridicolo pensare come quei tempi siano sempre stati incontrati con me che ti confortava, dicendoti che non eri un mostro, che va bene e che ti aiuterò a superarlo. Quante volte ho inconsapevolmente messo da parte la mia salute mentale per assisterti con la tua? Troppe volte è la risposta. Hai fatto le stesse sciocchezze noiose e monotone quando ti ho denunciato per il tuo comportamento, quando sono rimasto lì e ho detto che il tuo comportamento egoista non era giusto. Mi combatteresti, ma essendo la ragazza esuberante che sono, non mi tirerei indietro. Almeno fino a quando non hai giocato lo stesso trucco, chinando la testa e costringendo a piangere, singhiozzi asciutti su come odiavi essere stato definito egoista.

Sei la persona più egoista ed egocentrica che abbia mai incontrato.

Il nostro ultimo anno insieme è stato il periodo più difficile della mia vita. Ci siamo trasferiti insieme e molto presto sono rimasta incinta. Non era pianificato ma ero entusiasta. Hai impiegato un po 'di tempo per arrivare all'idea, anche se ora lo negherai copiosamente. Va bene comunque. Ho capito come fosse un po 'uno shock. Nel corso del tempo, però, ho avuto bisogno del tuo sostegno. Avevo bisogno che tu fossi lì per me, che mi aiutassi mentre vivevamo in una casa in cui ero completamente nervoso all'idea di stare da solo. Era troppo per me chiederti. Hai insistito esci ancora e hai una vita sociale. Tornerei a casa dal lavoro, solo, incinta e spaventata. Questo però non è mai stato abbastanza per cambiare i tuoi modi. Ti rotolavi ancora in un momento ridicolo, vomitavi nel lavello della cucina, pienamente consapevole che ero alzato al lavoro la mattina presto.

Amore familiare

Una lettera di ringraziamento alla mamma che era sempre lì per me

Allora avrei dovuto vedere i segni.

Ti sei addolcito man mano che diventavo più grande, ancora mai abbastanza da darmi il senso di sicurezza a cui una donna incinta ha diritto dal suo partner. Poi ci siamo trasferiti in una nuova bella casa più vicina alla famiglia, perfetta per crescere un bambino insieme come una piccola unità felice. Doveva essere l'inizio di una vita incredibile e felice. La nostra bellissima figlia è arrivata e per due settimane è stato perfetto. Sembravamo felici, come lo sarebbero stati i nuovi genitori. Una bambina sana, splendida e alla mano non poteva che avvicinare una coppia così forte.

Quanto mi sbagliavo, completamente e completamente sbagliato.

Come un cervo catturato dai fari, ti sei congelato. Hai evitato di tornare a casa dal lavoro in un orario ragionevole, sostenendo costantemente che non avevi cambio per gli autobus. Insisteresti comunque per uscire la sera un paio di volte a settimana, nonostante tu abbia lavorato sei giorni e comunque avessi un tempo molto limitato con tua figlia. Dov'era il mio tempo? Quando ho ottenuto la mia libertà? Ogni momento che hai preso, mi hai portato via. Non avevo altra scelta che fare tutto, combattere tutto da solo.

Mi sono persa ulteriormente quando è iniziata la depressione postnatale. Sono stato da solo con il mio bambino perfetto per la maggior parte del tempo perché hai fatto qualsiasi cosa per sfuggire alla responsabilità di diventare un genitore. Ti ho fatto sedere nelle rare occasioni in cui eri nei paraggi e ti ho pregato, ti ho supplicato. Ti ho detto che mi sentivo come un genitore single, che stavo lottando per farcela, per gestirlo e che avevo un disperato bisogno che tu fossi al mio fianco. Ho gridato il mio cuore così tante volte a te in disperazione per il tuo aiuto. La risposta che ho avuto? "Vado a letto. Ho bisogno di tempo per elaborare questo ". Le parole o le azioni di qualcuno non mi sono mai penetrate così profondamente nel petto come allora. Quanto ero diventato irrilevante per te a questo punto da potermi licenziare così facilmente e ignorare la realtà molto reale che stavo svanendo? Poi tu, il mio migliore amico e partner da diversi anni, mi hai tradito ulteriormente.

Mi hai tradito nel peggior modo possibile.

Ti sei innamorato di qualcun altro. Sei diventato il cattivo cliché della mia storia e hai confessato l'attrazione per il tuo collega di lavoro, uno degli stessi colleghi a cui mi avevi presentato, che aveva incontrato nostro figlio e con cui ho stretto amicizia. Ti sei incontrata con lei alle mie spalle per discutere di quei "sentimenti" in un giorno che avrebbe dovuto essere dedicato a me ea tua figlia. E più tardi quel giorno, hai sganciato la bomba.

Vita

Una lettera per me prima che diventassi mamma

"Non credo di essere più innamorato di te". Esatto, non avevi nemmeno le palle di dirmi che c'era qualcun altro.

Non finché non ho forzato la verità dalle tue labbra. Fu allora che iniziò a disfarsi. Perché non era la prima volta che mi facevi questo. Un anno e mezzo prima era successa la stessa cosa. Ti sei quasi baciato con un altro collega di lavoro durante una serata fuori. E quel tempo mi aveva ucciso, così come tutta l'autostima che avevo una volta. Ora stavi cercando di spogliarmi di nuovo. Nonostante l'immenso dolore e l'ansia che stavi causando su base oraria, abbiamo deciso di cercare di risolvere i nostri "problemi" sull'accordo che dovevi interrompere i contatti con detto collega finché non avessimo saputo dove eravamo. Vedi, non potevo convincermi a chiederti di non parlarle mai più perché ho capito quanto ti sarebbe mancata quell'amicizia, come avrebbe influenzato la cerchia di amici di lavoro che avevi. Quanto potrei essere un completo e completo deficiente? Perché non hai rispettato l'accordo. Le hai mandato un messaggio. Ma non solo mandarle messaggi non ti soddisfaceva, no, dovevi mandarle un messaggio sul mucchio di spazzatura più appiccicoso e romantico su cui purtroppo ho avuto la fortuna di atterrare i miei occhi.

Ancora dopo il dolore, il tradimento e la totale agonia delle tue azioni, ho ancora insistito per darti una possibilità di rimediare.

E hai colto l'occasione, facendo promesse che non avevi intenzione di mantenere. Hai trascinato la mia sofferenza per settimane che si sono trasformate in mesi. Hai fatto di nuovo le stesse stronzate: non sei mai tornato a casa in orario, non ti sei mai preso la responsabilità per tuo figlio. Nel tuo UNICO giorno libero, scompariresti per un paio d'ore o più e ti rifiuterai di portare tuo figlio con te. Mi hai rifiutato il tempo lontano dalla genitorialità che sentivi di avere il diritto di darti in grandi quantità generose.

Guarda anche: Prima di dargli un'altra possibilità, leggi questo

È arrivato alla fine nel momento in cui hai deciso di restare fuori oltre la mezzanotte senza darmi alcuna indicazione.

Ma hai avuto le palle per farlo? Ovviamente no. Hai provato ogni trucco possibile per allontanarmi, per convincermi a farla finita. Non era una tecnica sottile e mi sono rifiutato di darti la facile via d'uscita. Sei sempre stato tu a spingere la colpa, a evitare la responsabilità. Quindi, per una volta nella tua miserabile vita, dovresti farlo. Il codardo che sei preso due settimane prima che finalmente morde il proiettile.

Vita

Una lettera per me prima che diventassi mamma

Dopo la nostra separazione, ti ho chiesto una cosa. Ti ho chiesto di rispettarmi abbastanza da non correre tra le braccia della stessa donna con cui hai tradito emotivamente ...

Due settimane dopo, hai confessato di aver organizzato un appuntamento con lei. Dopo nove anni insieme, dopo aver portato nostro figlio in questo mondo, questo è il livello di rispetto che avevi per me? Mi dispiace dirlo, anche allora, con tutta la rabbia, il dolore e il tradimento che scorrevano nel mio corpo, ancora non ti vedevo esattamente per quello che sei. Dopo tutte le discussioni, i crolli e le lacrime, sei rimasto duro e freddo nel tuo livello di rispetto per me. Hai giocato in modo subdolo, subdolo, cercando di capire che ero io il traditore formulando in modo errato le tue storie. Hai provato a fare la vittima e hai detto che ero andato avanti rapidamente cercando una convalida fisica con qualcun altro. Non ci vuole davvero un genio per capire che questo è ciò che le mie intenzioni erano con tali interazioni. Hai usato il mio ruolo di genitore principale come un'arma, accusandomi di fare proprio questo quando in realtà si trattava di prendersi cura di me stesso.

Esatto, ho messo me stesso al primo posto e tu hai cercato di farlo su di te.

Ti sei comportato sorpreso quando ho espresso le mie preoccupazioni sul fatto che ti sei preso cura di nostro figlio da solo per un periodo di tempo prolungato. Come potevo fidarmi di te per farcela quando non me ne avevi fornito alcuna prova da quando è nata? Poi hai provato ad accusarmi di non averti dato la possibilità. Quante volte avevo implorato e gridato per il tuo aiuto, perché ti comportassi davvero come un padre e mi aiutassi?

E anche dopo tutto questo, non avevo toccato il fondo. Non ancora.

Ho raggiunto il punto più basso pochi giorni fa. Nell'arco di un paio di settimane eravamo arrivati ​​a un punto in cui stavamo parlando come due esseri umani decenti. Stavamo diventando di nuovo amichevoli, ricordandomi dell'amicizia che avevamo e che nelle notti solitarie desideravo così tanto. Mi hai cullato in un beato, falso senso di sicurezza, dove avevo riavuto il mio amico, il migliore amico che mi mancava e la cui assenza mi aveva colpito tanto duramente quanto la perdita di un amante di lunga data. Poi la bomba ha colpito. Avevi organizzato un doppio appuntamento con la ragazza per cui mi hai tradito e per cui mi hai lasciato con il nostro migliore amico comune. Nemmeno 4 mesi dopo la nostra separazione. E, dimostrando ancora una volta la tua assoluta codardia, non l'ho imparato nemmeno dalle tue labbra.

Ho passato gli ultimi 2 giorni a piangere come non avevo mai pianto prima. E hai visto quelle lacrime. Hai visto la crudezza del mio viso, il rossore nei miei occhi mentre cercavo disperatamente di non perdermi completamente nel dolore.

Non ti bastava rovinare completamente il mio mondo, mostrare una totale mancanza di rimorso e rispetto per me, sminuire i miei sentimenti così duramente. No, hai dovuto presentare la tua nuova sciocca fidanzata nel nostro gruppo di amicizia comune così presto, senza che un solo pensiero mi fosse rivolto.

In una singola azione egocentrica, sei riuscito a isolarmi, violare il mio spazio e spezzarmi completamente più di quanto tu abbia mai fatto prima.

Penso che sia stato fatto maliziosamente? No. Ma questo peggiora le cose. Mi è rimasto così poco spazio nella tua vita, nei tuoi pensieri che le mie emozioni, ancora molto irte dai tuoi precedenti assalti, significavano così poco per te. Non ti ho passato per la mente nemmeno una volta mentre facevi piani così nefandi. Ho passato nove anni della mia vita ad amarti e in qualche modo sono diventato irrilevante per te.

Ho passato gli ultimi giorni in lacrime, ma anche bloccato nella rabbia, nell'odio. La tua precedente cordialità sembra un altro tradimento. Volevi di nuovo il meglio di me. Vuoi il meglio di tutto: la ragazza che hai scelto sulla tua famiglia e il tuo migliore amico indietro. Non meriti di essere felice. Non meriti una vita facile. Non meriterai mai la parte di me che una volta ti ho dato così facilmente e prontamente.

Oggi ho avuto la mia epifania. La stessa consapevolezza che mi era stata raccontata diverse centinaia di volte dalla nostra rottura.

Non vali il mio odio. Mi sono reso conto che posso esprimere le mie opinioni, parlarti del danno che continui a infliggermi costantemente. Posso urlare e gridare e imprecare finché non sono blu in faccia, finché non ci sono più lacrime da piangere. Ti posso rimproverare. Posso crollare davanti a te come ho fatto molte volte prima. Posso supplicare e posso supplicare. Posso continuare a sprecare la mia preziosa energia per la rabbia e l'odio che provo verso te e la stessa ragazza che consideravo un'amica.

Ma qual è il punto?

Non ascolterai. Non cambierai. Non ti importerà. Continuerai ad essere il tipo "guai a me". Continuerai ad essere egoista, egocentrico e crudele. Non smetterai di essere la persona che ora so che sei. Sarai ancora il ragazzino narcisista e codardo e niente di quello che dico cambierà le cose. Non vali l'energia necessaria per essere arrabbiato. Mi sto solo trattenendo mentre mi aggrappo a quella furia indotta dal dolore.

Sei stata la causa della mia angoscia. Adesso non sei niente. Sei irrilevante e continuerò a ricordarmelo per il resto della mia vita, se necessario.

Non sono neanche lontanamente fissato e non credo che lo sarò per un bel po 'di tempo. Quello che sono però è rotto e finalmente lo sto riconoscendo. Hai continuato ad aumentare il danno, aggiungendomi altre crepe finché alla fine non sono andato in frantumi. Ora posso rimettermi in sesto. Non sarò più lo stesso e non desidero esserlo. Creerò un bellissimo mosaico dai resti di ciò che ero una volta mentre disegno un me migliore e più forte. Mi concentrerò sull'amarmi e sull'imparare su me stesso. Scoprirò chi sono come individuo e diventerò più forte ogni giorno che passa in cui mi rifiuto di permettere alla rabbia e al risentimento di dominarmi. Diventerò la migliore versione di me stesso e lavorerò sodo per raggiungerlo. E lungo la strada, non ottieni alcuna parte della creazione. Non hai il privilegio di conoscere il nuovo me, di crogiolarti nella mia luce o di condividere le mie amicizie. Hai distrutto ogni possibilità che ciò accada. Avrai sempre un ruolo nella mia vita, come padre di mia figlia, ma il tuo ruolo per me personalmente sarà minuscolo.

Non riderò della tua sfortuna quando il karma ti farà visita, né mi interesserà.

Da questo momento in poi, non sei altro che il padre biologico del mio bambino perfetto e questo è tutto ciò che sarai mai.

La strada da percorrere per me sarà dura e questo è terrificante ma anche emozionante. Avrò giorni bassi; Avrò giorni. Ci saranno momenti in cui vorrò gridare a crepapelle, sia che si tratti dello stress della genitorialità single, della solitudine o dell'angoscia. Ma ricorderò in quei momenti di difficoltà che sono scappato, che ho avuto una fuga fortunata e che la separazione ti dà davvero chiarezza sull'inferno a cui ti stavi sottomettendo.

Sono un mosaico in divenire. Sarò la versione più bella e vibrante di me stessa composta dai pezzi in frantumi della mia persona precedente. Sarò più saggio. Sarò più intelligente e, soprattutto, sarò più felice. Le persone mi dicono la stessa cosa da mesi: non permettere che la mia amarezza e rabbia mi dominino. Potrebbe essere stato ripetuto migliaia di volte, ma fino a quando non l'ho finalmente capito da solo, il compito era impossibile. Vivrò ogni giorno per me e mia figlia di 1 anno. Rispetterò me stesso. Mi prenderò cura di me stesso. Imparerò ad amare me stesso.

di Katie Aspinall




Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Gli articoli più interessanti sull le relazioni che cambieranno la tua vita in meglio
Il principale sito web di lifestyle e cultura. Qui troverai molte informazioni utili su amore e relazioni, stile di vita, moda e bellezza